«La solidaridad nos ha sorprendido muy favorablemente», dijo José Manzaneda, casi a las puertas de un juicio «por calumnias».


Cubainformación, la verità nel mirino

La Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba ha publicado la versión italiana de este texto en su página de Facebook, indicando que la "Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba esprime la incondizionata solidarietà a Cubainformacion.tv e al suo direttore responsabile José Manzaneda".

"La solidarietà ci ha sorpreso molto favorevolmente", ha detto José Manzaneda, quasi sull'orlo di un processo "per calunnia"

Jorge Ernesto Angulo Leiva

Granma

Tra poche ore, José Manzaneda, direttore del portale Cubainformación, comparirà davanti al 31º Tribunale Penale di Madrid, in Spagna, accusato di "grave diffamazione, calunnia e crimine d'odio" dal presidente dell'ONG Difensori dei Prigionieri, Javier Larrondo, portavoce degli interessi nemici della Rivoluzione Cubana.

Il 15 febbraio, la difesa della verità da parte di voci alternative è ancora una volta in pericolo da parte di coloro che cercano di imporre, attraverso i media e l'industria culturale, una visione unica del mondo, una garanzia del loro dominio politico, economico e militare.

Questa volta, il pretesto è la denuncia intitolata Creare una crisi sanitaria a Cuba: obiettivo della guerra contro la sua cooperazione medica, pubblicata dalla piattaforma per la difesa di Cuba e con sede in Spagna.

Il materiale rivela i legami dell'ONG in questione con il governo degli Stati Uniti, per bloccare i fondi del Ministero della Salute Pubblica dell'isola, che ha avuto un impatto sulla carenza di medicinali e forniture mediche, tra le altre difficoltà.

In risposta, l'ONG ha presentato accuse che comporterebbero sei anni di carcere per Manzaneda, oltre a un importo di quasi 70.000 euro tra multe e risarcimenti, che costituisce una minaccia di fallimento per Cubainformación e l'associazione di amicizia basco-cubana Euskadi-Cuba, proprietaria del sito web fino al 2020.

In una conversazione con Granma, Manzaneda ha ironicamente commentato la presunta vocazione dei Difensori dei Prigionieri in "difesa" della libertà di stampa e di espressione, quando ha proposto l'incarcerazione di un giornalista e la rovina del suo organo di stampa. Nota anche il paradosso di indicare un crimine d'odio quando gli accusatori collaborano a un crimine di guerra economico.

A proposito di Euskadi-Cuba, un'organizzazione con progetti di sostegno all'agricoltura cubana, menziona le menzogne del suo finanziamento da parte del governo basco e dell'Unione Europea per destabilizzare la Spagna e il continente, e persino per collaborare con l'intelligence cubana.

"Questa criminalizzazione mediatica e persecuzione giudiziaria è stata accompagnata negli ultimi mesi da minacce, aggressioni, graffiti, per esempio, nei locali dell'Associazione Euskadi Cuba. Negli ultimi anni, nel caldo dell'11 luglio e di tutta la guerra di comunicazione che è venuta ad accompagnare questo processo, una parte dell'emigrazione che in precedenza non aveva una posizione politica aggressiva, si è lasciata influenzare dalle organizzazioni controrivoluzionarie.

"Le organizzazioni dell'emigrazione patriottica cubana in questi anni hanno subito attacchi, anche fisici, ma il clima, l'atmosfera e la voglia di lavorare del Movimento di Solidarietà continuano esattamente come sempre e con grande entusiasmo perché siamo assolutamente convinti di essere nel giusto".

Quanta solidarietà ha suscitato la vostra causa?

La solidarietà ci ha sorpreso molto favorevolmente, riceviamo decine di messaggi ogni giorno, ci sono molte organizzazioni che si aggiungono alla dichiarazione generale di sostegno e altre che sono emerse da diverse fonti e associazioni. Abbiamo anche una campagna economica per aiutarci a sopravvivere, perché ciò che questo cerca è di affondarci, a causa delle spese legali.

Come valuta, nel mondo e in Europa, la distribuzione dell'accesso all'opinione pubblica sulla stampa e la sua acclamata libertà?

Ci sono i casi di giornalisti coraggiosi, investigatori critici che vanno al cuore del potere del capitale e mostrano all'opinione pubblica internazionale crimini di guerra e tuttavia finiscono dietro le sbarre, e non sappiamo se ne usciranno mai. I governi più potenti accettano di imprigionarli.

"Nell'Europa che si vende come uno spazio di libertà di stampa, la libertà di espressione in realtà non esiste, né la libertà di espressione, perché è disponibile solo per le grandi società di capitali, le banche, i costruttori di fondi di investimento, i proprietari dei grandi media con influenza egemonica sull'opinione pubblica. I media statali, invocati da una maggiore pluralità, con eccezioni ben precise, rispondono allo stesso discorso di difesa del sistema capitalista".

Manzaneda assicura che l'insistenza deve continuare a creare lacune in questo blocco dell'informazione su Cuba e su qualsiasi proposta di ribellione contro il sistema, sia a livello internazionale che locale.

Traduzione : www.italiacuba.it

 

Persecución judicial contra Cubainformación y Euskadi-Cuba (todos los materiales)

Solidaridad
Washington, 18 jul (Prensa Latina) La representación en California de la mayor central obrera existente hoy en Estados Unidos aprobó por unanimidad en su Convención una resolución que exige retirar a Cuba de las lista de p...
Cubainformación.- Como celebración del Día de la Rebeldía Nacional de Cuba (el veintiseis de julio), el sábado 27 a las 12:30 horas, en la Plaza de La Habana de Xixón / Gijón (Asturies), junto al monum...
Lo último
La Columna
71 años de los asaltos
Gerardo Moyá Noguera*.-  Después de 71 años de asalto a los cuarteles Moncada y Carlos M. de Céspedes todos nos acordamos de aquella efeméride implacable y que fue muy dolorosa para la gran mayoría de lo...
La Revista